Skip to content Skip to footer

Riedificata nel 1720 su disegno dell’architetto Trifogli per l’Ospedale dei lebbrosi, allora amministrato dal Cardinale Gozzadini, la chiesa di San Lazzaro fu ampliata dal Cardinale Alberoni e da lui stesso fu solennemente consacrata il 13 settembre del 1744. Sull’altare maggiore si trova la pala che il cardinale stesso commissionò al parmigiano Giuseppe Peroni (1710-1756), allora residente a Roma, raffigurante Una predica di S. Vincenzo de’ Paoli. La prima cappella a sinistra è invece interamente occupata dal mausoleo del cardinale, posto in opera nel 1754. E’ un’elegante lavoro di gusto ancora rococò, dove il marmo nero di Valencia, il giallo antico e il verde Pradovera lavorati dagli scalpellini Dionisio Antonio Rossi e Angelo Dorini (autori anche della bella balaustra), contrastano con il biancore del marmo di Carrara delle figure allegoriche (Fortezza, Prudenza, Fede e Carità), dei putti, dello stemma e del ritratto del Cardinale, tutte sculture realizzate da Giovanni Cybei, dotato scultore carrarese che in quegli anni fu attivo anche per la corte borbonica di Parma.

I dipinti murali della volta e del presbiterio sono stati eseguiti nel 1932 dal piacentino Luciano Ricchetti (1897-1977). I sobri ed eleganti armadi della grande sagrestia furono realizzati nel 1745 dai maestri di legname Francesco Begni, Carlo Galli e Giovanni Bianchi.

La chiesa del Collegio Alberoni

ComunePiacenzaLocalitàSan LazzaroIndirizzoVia Emilia Parmense, 71Telefono0523 614256E-mailsanlazzaro@libero.itInformazioni utiliaccessibile ai disabiliShare

Andar per Valli e Cupole