Skip to content Skip to footer

Risale al 1650, costruita sull’area della precedente chiesa dello Spirito Santo con materiali del distrutto ponte romano sul Trebbia presso Quartazzola, per volontà dei Carmelitani Scalzi. Il progetto è di Padre Baldassarre di Santa Caterina, ispiratosi alla chiesa romana del Gesù e a modelli  a sala. Sulla facciata, di linearità classica, spiccano il portale con bei battenti in noce settecenteschi e l’ovato con Santa Teresa in preghiera. L’interno, a navata unica con due cappelle per parte, ha volte a vela dipinte da Luciano Ricchetti nel 1933. La prima e la seconda cappella a sinistra presentano eleganti sfondati prospettici di Francesco Natali e allegorie di Sebastiano Galeotti, tele attribuite rispettivamente a Giuseppe Nuvolone e Francesco Cairo (1607-1665). Nel presbiterio, l’altare maggiore di Gabriele Longhi da Viggiù risale al 1762, la decorazione ad affresco è opera di Giovanni Battista Natali, le figure si devono al cremonese Angelo Borroni. Nellaseconda cappella a destra si possono ammirare dipinti di Robert De Longe (1645-1709) e scorci prospettici di Giuseppe Natali, nella prima le architetture illusionistiche sono di  Francesco Natali e le figure di Bartolomeo Rusca da Arosio presso Lugano (1680-1750), autore anche della Gloria di S. Giovanni della Croce, nella calotta. Ad artisti ticinesi sono dovuti anche gli stucchi. In sala riunioni si conserva il dipinto di Sant’Alessandro che abbatte l’altare pagano dovuto a Giacomo Ceruti, detto il Pitocchetto

CittàPiacenzaIndirizzoCorso Vittorio Emanuele II, 146Telefono: + (39) 0523 322623Share

Andar per Valli e Cupole