Skip to content Skip to footer

Valtidone, tra arte e vino

30.00

Una giornata in Val Tidone, da Castel San Giovanni a Borgonovo, passando per Vicobarone e la degustazione dei suoi vini e sconfinando in provincia di Pavia per ammirare il santuario della Beata Vergine di Montelungo in Ruino.

Categoria: Product ID: 5058

Descrizione

Castel San Giovanni, capoluogo della Val Tidone conserva uno dei templi più ricchi di storia dell’arte dell’intera Diocesi di Piacenza e di Bobbio: è la collegiata di San Giovanni Battista che custodisce opere secolari di artisti famosissimi, polittici lignei, numerose pale d’altare, opere in arenaria, un fonte battesimale cinquecentesco, un crocifisso dei fratelli Del Maino, un organo straordinario, ma sopratutto cappelle di una bellezza infinita, piene di stucchi e rappresentazioni sacre.

Si procederà poi alla tappa di Vicobarone, effettuando alcune soste panoramiche lungo il percorso, come per esempio la cappella di San Lupo per apprezzare al meglio le bellezze paesaggistiche della valle.

A Vicobarone, graziosa località abbarbicata sulle prime colline della Val Tidone presso cui si effettuerà la visita del borgo, il seicentesco oratorio di San Rocco e la chiesa parrocchiale dedicata a San Colombano sono beni di assoluto valore storico artistico. Si vuole qui effettuare una visita con degustazione presso una cantina del territorio.
Il viaggio proseguirà verso Santuario della Beata Vergine di Montelungo in Ruino, in provincia di Pavia ma in diocesi di Piacenza e Bobbio: luogo sacro di antica fondazione. Nell’anno 774 infatti l’imperatore Carlo Magno donava il luogo di Montelungo al Monastero di San Colombano fondato a Bobbio.

Nel pomeriggio, sulla via del ritorno, è prevista la visita a Borgonovo e alla frazione di Breno.

Posto allo sbocco della Val Tidone, Borgonovo è una delle località più popolose e attive della vallata: non è solo un centro agricolo e industriale ma vanta un’importante storia passata. La Rocca municipale, un tempo castello di difesa e oggi sede comunale e la collegiata di Santa Maria Assunta, “duomo” dei Borgonovesi, sono i tesori da scoprire nel centro storico.

In località Breno sorge isolata la chiesa di Sant’Ilario la cui struttura originaria risale al XII secolo: tracce dell’architettura romanica si ritrovano tutt’ora nell’abside e nella torre campanaria.

La partenza da Piacenza è ipotizzata intorno alle ore 8.30, il rientro è previsto per le ora 19.00 circa.

Ogni data del calendario verrà confermata solo al raggiungimento di un numero minimo di iscritti.

Info e prenotazioni:
piacenzaincoming@gmail.com
(rif. Sig.ra Valentina)

Andar per Valli e Cupole