Skip to content Skip to footer

L’edificio è stato commissionato dalla Confraternita detta della Morte, esistente sin dal 1260 presso la chiesa di santa Maria dell’Argine. Nel XVI secolo l’associazione religiosa trovava poi sistemazione nella chiesa di San Silvestro, denominata della “Morte Vecchia”. La Chiesa di San Cristoforo, detta “della Morte…

Nel 1676 il nobile piacentino Francesco Maria Tadini Albrici fece dipingere da Pietro Martire, la Madonna del Carmelo tra i santi Giuseppe e Francesco d’Assisi in una nicchia lungo la via Emilia nei pressi di Roveleto. L’immagine sortì tale devozione che il parroco di Fontana…

Il duomo, o concattedrale dedicata a Santa Maria Assunta, fu fatto erigere dal vescovo Guarnerio attorno al 1073 e fu sede vescovile sino al 1989, quando la Diocesi di Bobbio è stata aggregata a Piacenza, formando la Diocesi di Bobbio-Piacenza. La chiesa, in stile romanico,…

La chiesa dedicata a San Sisto e legata al monastero benedettino che commissionò nel 1513 la tela della Madonna detta Sistina a Raffaello Sanzio. La tela fu custodita fino al 1754.

Il duomo di Piacenza, senza dubbio uno dei monumenti più importanti del romanico padano.

Dal terzo livello del museo Kronos prende il via la salita (con accompagnamento obbligatorio) verso la cupola. L’ascesa avviene attraverso percorsi medievali nello spessore di muratura, scale a chiocciola, sottotetti e consente continui affacci mozzafiato sia sulla città che all’interno della cattedrale. Da gennaio 2020…

La collezione comprende lavori di artisti autorevoli come Enrico Baj, Renato Birolli, Carlo Carrà, Massimo Campigli, Giuseppe Capogrossi, Giorgio De Chirico, Filippo De Pisis, Ottone Rosai, Lucio Fontana, Achille Funi, Piero Manzoni, Mario Nigro, Giò Pomodoro, Mario Sironi, solo per citarne alcuni.

Museo dell’Abbazia, allestito nelle sale che anticamente ospitavano il famoso scriptorium e la prestigiosa biblioteca, raccoglie reperti ritrovati durante scavi nelle zone circostanti e nella cripta della Basilica di San Colombano, mentre altri provengono dalla Cattedrale di Bobbio.

Il Museo, inaugurato il 3 luglio 2015, espone il noto Codice 65, altri preziosi codici, argenterie, paramenti liturgici e importanti pale d’altare, sculture e arredi provenienti prevalentemente dalla cattedrale, ma anche da altre chiese diocesane. Dal 2018, in seguito ad importanti e costanti modifiche all’allestimento,…

Un capolavoro d’arte romanica in uno dei borghi più belli d’Italia

Andar per Valli e Cupole